Cronaca

Sasso manda in frantumi il finestrino di un treno diretto a Brescia

Attraverso una nota l’azienda comunica che un proprio convoglio diretto in città è stato oggetto di un grave atto di vandalismo. Ignoti i responsabili del gesto.

Treno regionale 4927 partito da Bergamo alle 18.07 con arrivo previsto a Brescia per le 19.07: questo il convoglio Trenord oggetto del grave atto di vandalismo verificatosi giovedì 4 maggio.    

L’azienda ha chiarito nelle ultime ore il mistero attorno alla rottura di un vetro di un vagone del treno che viaggiava verso Brescia, mentre si trovava nei pressi di Chiuduno. Si tratta di un atto vandalico, ad opera di ignoti. 

Nella carrozza al momento del colpo viaggiavano 6-7 persone, comprensibilmente spaventate dall’accaduto. I viaggiatori sono stati trasferiti in un altro vagone, e una volta che il treno è arrivato a destinazione il vetro è stato pellicolato per evitare che pezzi di cristallo potessero staccarsi. 

In generale, gli atti vandalici compiuti sui convogli - graffiti, tagli dei sedili, rotture e intasamenti non accidentali nelle toilette, etc. - costano all’azienda circa 10 milioni di euro l’anno. Nell’intero 2016 le segnalazioni sono state complessivamente 8.400, in media circa 23 al giorno.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sasso manda in frantumi il finestrino di un treno diretto a Brescia

BresciaToday è in caricamento