Cade dalla scala mentre lavora in giardino, muore sul colpo

La tragedia che ha colpito Alessandro Boniotti, pensionato di 62 anni residente a Gardone Valtrompia: stava lavorando in giardino a Sarezzo, ha perso l'equilibrio ed è caduto dalla scala. Morto sul colpo

Un lavoretto in giardino come tanti, soprattutto per lui che tra rami e foglie ci ha lavorato una vita intera. Nessuno avrebbe mai pensato potesse finire così. Ma un maledetto incidente lo ha fatto cadere dalla scala, facendogli sbattere violentemente la testa. Un colpo secco e tremendo, e che purtroppo gli è costato la vita.

La tragedia che ha travolto Alessandro Boniotti detto Sandro, pensionato di 62 anni residente a Gardone Valtrompia e lunedì pomeriggio in trasferta a Sarezzo, stava aiutando il suo ex datore di lavoro a sistemare il giardino. Forse stava potando un arbusto, forse stava tagliando la siepe. Ma improvvisamente ha perso l’equilibrio, ed è caduto rovinosamente a terra.

Non c’è stato nulla da fare, Boniotti sarebbe morto sul colpo. I Carabinieri e i sanitari intervenuti sul posto non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Tutta la comunità si stringe intorno alla famiglia, mentre sono già stati fissati i funerali: mercoledì pomeriggio a Gardone, con partenza dalle 15 dalla casa funeraria L’Altra Riva, fino ad arrivare alla Basilica del Convento.

Alessandro Boniotti lascia la moglie Patrizia Levrangi, e i figli Juri, Oriano e Fabiana. La veglia funebre è prevista per martedì pomeriggio, dalle 17. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Lago d'Iseo: le storie e i segreti dell'Isola di Loreto in onda su Italia Uno

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento