Rifiuta di fare sesso: massacrata di botte dal marito con le doghe del letto

L'uomo è stato arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia, minacce, lesioni personali e tentata violenza sessuale

Foto d'archivio

Nei giorni scorsi, i carabinieri di San Zeno Naviglio sono dovuti intervenire in un'abitazione del paese, a seguito di una richiesta di soccorso lanciata da una 24enne picchiata dal marito. 

Giunta sul posto, la pattuglia ha trovata la donna in strada in evidente stato di shock e con evidenti tumefazioni: raccontava di essere stata minacciata con un coltello e picchiata con le doghe del letto per aver rifiutato un rapporto sessuale. L’uomo, un 40enne nordafricano come la moglie, secondo quanto riferito dalla vittima non era nuovo a scatti d’ira e violenze, tanto da farle decidere di allontanare i due figli minori presso i propri genitori nel paese d’origine. 

I militari hanno trovato il 40enne in evidente stato d’ebbrezza; dopo aver opposto resistenza, è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia, minacce, lesioni personali e tentata violenza sessuale. La donna è stata affidata ad una struttura protetta.

Il giudice di turno ha convalidato l’arresto e rimesso in libertà il 40enne, prescrivendogli l’allontanamento dalla casa famiglia e il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla moglie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Coronavirus, contagiati altri due bresciani: primo caso sospetto in città

  • "Non so come l'ho preso": parla la ginecologa positiva al coronavirus

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Incidente a Pozzolengo: neonato di Lonato muore in ospedale

  • Secondo caso bresciano di Coronavirus: è una ginecologa di 36 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento