Una collina fatta di «scorie di fonderia»: i nomi degli imprenditori indagati

Sequestro di San Polo, le indagini proseguono: volti noti dell'imprenditoria bresciana tra gli indagati, tra questi Ettore Lonati, presidente del gruppo dell'acciaio tra cui Alfa Acciai

Il materiale rinvenuto sulla ciclabile di San Polo © Bresciatoday.it

Traffico illecito di rifiuti. Questa l'accusa importante che emerge dalle indagini in corso a seguito del sequestro di un'intera collina (con annessa pista ciclabile) alle porte della città, a San Polo, che secondo gli inquirenti potrebbe essere stata interamente realizzata con scarti e scorie di fonderia.

I nomi degli indagati: Ettore Lonati, volto noto dell'imprenditoria bresciana e presidente dell'omonimo gruppo dell'acciaio con Alfa Acciai, e Arturo e Livio Bernardelli, il primo amministratore di Bernardelli Trasporti e il secondo di Novastrade.

L'accusa, appunto: traffico illecito di rifiuti. Tutto partirebbe da un prodotto, un granulato: l'Alfa Sinstone, che sarebbe stato venduto da Alfa Acciai a un prezzo compreso tra 50 centesimi e 1 euro a tonnellata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due sorelle, lo stesso tragico destino: uccise dal cancro a distanza di 20 giorni

  • Donna trovata morta in campagna: tragedia avvolta nel mistero

  • In arrivo intensa ondata di maltempo, porterà pioggia e abbondanti nevicate

  • Orzinuovi piange la scomparsa del ristoratore Tonino Casalini

  • Sposato, padre di 3 figli: prende a schiaffi e pugni la moglie in strada

  • Terribile schianto all'incrocio: motociclista muore in ospedale

Torna su
BresciaToday è in caricamento