La fuga in pedalò per gioco, poi la tragedia: ritrovato lo scafo

Il ritrovamento da parte dei Volontari del Garda del pedalò affondato più di 20 anni a largo di San Felice del Benaco: lo avevano 'rubato' tre giovani turisti tedeschi, uno di loro morì annegato

Tutto era successo più di 20 anni fa. Le vacanze lontani da casa, la spensieratezza della gioventù, la bravata che a quell'età ti sembra sempre concessa: sono tre turisti tedeschi, in vacanza in campeggio. Una notte d'estate, primi anni '90, si permettono di rubare un pedalò dalla spiaggia del campeggio Eden di Portese, frazione di San Felice del Benaco.

Dal fondo però gli operatori della spiaggia avevano rimosso il tappo di sicurezza, per permettere all'acqua accumulata nel giorno di svuotarsi liberamente di notte. E quindi lo scafo a pedali imbarca acqua, i tre sono già a largo, il pedalò comincia ad affondare. Si tuffano in acqua, cercano di nuotare fino a riva: due di loro ce la fanno, il terzo invece annega.

A più di 20 da quella tragica notte i Volontari del Garda hanno ritrovato quel pedalò maledetto. “Ricordo che ritrovammo il corpo con la prima nostra telecamera a pendolo, dopo quattro o cinque giorni”, scrive il sommozzatore Mauro Fusato. “Per puro caso ora abbiamo ritrovato il loro pedalò”.

Il ritrovamento è avvenuto lunedì pomeriggio, documentato da un filmato già pubblicato su Facebook (GUARDA IL VIDEO) in cui si vede nitidamente il pedalo in fondo al lago, ad una profondità addirittura di 110 metri, circondato pure da qualche pescione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento