Cronaca

Si rompono le acque: Frida nasce in casa, «come una volta»

Le acque si rompono troppo presto, la piccola Frida non ha più voglia di aspettare: in casa arrivano i volontari del 118, la bimba nasce nel letto della mamma a San Felice del Benaco

Come in un viaggio a ritroso in un tempo che ormai non c’è più, sul lago di Garda una storia che ha già fatto commuovere ed emozionare. La storia della piccola Frida che, poco prima dell’avviarsi del week end, ha visto la luce in casa, come ormai non capita più a nessuno.

A San Felice del Benaco una mamma gravida a dir poco, che sta per essere accompagnata in ospedale per partorire, a Gavardo. Ma le acque si rompono troppo presto, non c’è più tempo da perdere: a sirene spiegate arriva l’ambulanza per il trasporto rapido, ma la piccola Frida ha una fretta che non si può, ha già voglia di uscire e di conoscere il mondo.

Quando i volontari del 118 arrivano, la piccola Frida ha già tirato fuori la testa. Un parto che più naturale non si può, senza complicazioni anche grazie all’aiuto dei paramedici intervenuti. Una storia che finisce con un sorriso, e finalmente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rompono le acque: Frida nasce in casa, «come una volta»

BresciaToday è in caricamento