Giornata tragica sul Garda: due annegamenti in poche ore

Due turisti, un inglese di 37 anni e un tedesco di 51 anni, hanno perso la vita nel pomeriggio di sabato, all’Isola dei Conigli e lungo la costa veronese. Da inizio anno sono cinque i morti per annegamento sul Garda.

Una giornata di piena estate, il caldo, l’acqua fresca e invitante del lago, la voglia di tuffarsi, di fare una lunga nuotata. La tragedia però in acqua è sempre in agguato, basta davvero poco per trasformare una vacanza in dramma. Ieri, sabato 22 luglio, l’acqua del Garda ha inghiottito per sempre la vita di due turisti. 

La prima vittima è un inglese di 37 anni, J.W. di Leytonstone, una località del London Borough of Waltham Forest, nella parte nord orientale di Londra (in un primo momento, ieri, si era diffusa la notizia che il disperso fosse un turista tedesco). Assieme ad un gruppo di compagni di viaggio, tra i quali anche la moglie e la sorella, intorno alle undici ha deciso di nuotare partendo dal porto di San Felice per raggiungere l’Isola dei Conigli. Poco dopo però gli amici l’hanno visto annaspare in acqua, fino a che si è inabissato, non riemergendo più. L’allarme è stato lanciato solo quando qualcuno della comitiva ha raggiunto a nuoto la riva. Sul posto Guardia costiera e Vigili del fuoco di Salò, assieme ai Volontari del Garda. Proprio la strumentazione tecnologica a bordo della loro imbarcazione “VolGa 2026”, intorno alle 15:15, ha individuato il corpo del turista, adagiato su un fondale in pendenza, a circa 22 metri di profondità e 460 metri di distanza dall’Isola dei Conigli. Grazie a un robot, la salma della vittima è stata presa e portata in superficie.

La seconda vittima di giornata è invece un turista tedesco di 51 anni. H.B., nato a Delmenhorst, era in vacanza con la moglie sulla sponda veronese del lago. Attorno alle 17:50 si trovava al largo di di Castelletto a Brenzone, di fronte all’hotel Merano, quando ha deciso di tuffarsi dalla barca. Dopo poche bracciate l’uomo ha manifestato dei problemi, si è avvicinato all’imbarcazione ma senza riuscire a risalire. Due turisti si sono lanciati in acqua dalla spiaggia per cercare di salvarlo: recuperato e trascinato a riva il corpo, l’uomo è stato soccorso dal personale della Croce Rossa. Sotto gli occhi di decine di turisti, il 51enne non ha più ripreso conoscenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Devi far sesso con me, ma voglio i soldi": si rifiuta, lei lo butta giù dalla finestra

  • All'ospedale Civile una paziente col Coronavirus, controlli su 5 bresciani

  • Emergenza Coronavirus: 4 casi positivi al Civile, c'è il primo bresciano

  • Emergenza coronavirus: scuole chiuse in tutta la Lombardia

  • Coronavirus, Lombardia 'blindata": scuole chiuse, bar e locali off limits dalle 18

  • Coronavirus in Lombardia: 100 persone a rischio, 70 vanno in quarantena

Torna su
BresciaToday è in caricamento