Una bottiglia rotta come fosse una lama: ragazzo aggredito alle spalle senza motivo

Un'aggressione incredibile e senza apparente motivo: un ragazzo di 21 anni è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato ferito con un coccio di bottiglia

Era in compagnia di un gruppetto di amici quando è stato aggredito, all'improvviso e senza apparente motivo: colpito alle spalle da un coccio di bottiglia, che gli ha procurato una vistosa ferita. La vittima dell'aggressione, un ragazzo di 21 anni di origini straniere, è stato trasferito in codice verde al Civile, trasportato in ospedale da un'ambulanza della Croce Bianca. A causa del taglio subito, perdeva molto sangue: per lunghi attimi si è temuto il peggio, e per questo l'allarme è stato lanciato in codice rosso.

Tutto è successo in Via San Faustino poco prima delle 19.30: sull'accaduto indagano i carabinieri. I militari sono sulle tracce dell'aggressore: stando alla ricostruzione effettuata dai testimoni della scena, oltre che della vittima, si tratterebbe di un giovane di origini nordafricane, a quanto pare completamente ubriaco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per capirci: era a torso nudo nonostante il buio, e nonostante i dieci gradi (o poco più) della sera di Halloween. Dopo aver colpito il ragazzo è scappato a piedi, facendo perdere le sue tracce. Come detto, è ancora ignoto il motivo della violenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Niente norme anti-Covid, cuoco e pizzaiolo senza protezioni: chiuso ristorante

  • Follia al bar: padre e figlio scatenano una rissa, devastano il locale e aggrediscono la barista

  • Si accascia sul divano e muore davanti al marito e ai figli: aveva solo 46 anni

  • Sputi, insulti, sassi contro auto e ciclisti: ora il paese ha paura della baby gang

  • Stroncato da una malattia a soli 54 anni, morto noto bassista bresciano

  • Si tuffa e non riemerge, salvato dalla fidanzata: la sua vita è appesa a un filo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento