Cronaca

Si tuffa dal pontile e perde conoscenza, salvato da due operai

Il giovane è stato ricoverato al Civile

Foto d'archivio

Si tuffa con la sorella e non riemerge, ma viene salvato da due operatori del centro nautico Arcangeli. È quanto accaduto martedì 6 luglio a un ragazzo di 14 anni, residente a Paitone, che ha battuto la testa dopo essersi tuffato dal pontile del porto di Salò.

Erano circa le 11.30 quando il 14enne, insieme alla sorella, stava facendo il bagno sul lungolago a Salò nei pressi della statua Donna del Lago, alle Antiche Rive. I due si sono gettati nel lago dal pontile ma a galla è tornata solo lei. Non vedendo risalire il ragazzo i bagnanti presenti hanno iniziato a urlare attirando l’attenzione di due operai del centro nautico Arcangeli. I due giovani, di 28 e 31 anni, si sono immediatamente precipitati in acqua portando a riva il ferito.

Il 14enne è stato subito affidato alla cura dei sanitari, arrivati nel frattempo sul posto. Il personale medico dei Volontari del Garda è riuscito a rianimare il ragazzo che poco dopo è stato portato al Civile, ricoverato in codice rosso (ma non sarebbe in pericolo di vita). Dalle prime informazioni sembra che il giovane, subito dopo il tuffo, abbia battuto la testa contro il basso fondale perdendo conoscenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si tuffa dal pontile e perde conoscenza, salvato da due operai

BresciaToday è in caricamento