Il truffatore del calcio giovanile: “Un’offerta per la nuova squadra”

Smascherato il truffatore - un 28enne di Toscolano Maderno - che in tre mesi ha raccolto migliaia di euro spacciandosi per il rappresentante di una nuova squadra di calcio giovanile in cerca di sponsor

Foto di repertorio

Caccia grossa sul lago di Garda al truffatore di 28 anni che pare abbia racimolato anche migliaia di euro spacciandosi per un giovane rappresentante di una futura squadra giovanile, e che avrebbe dovuto giocare nel campo di Villa di Salò per il campionato CSI.

Si è reso irreperibile, dopo che la sua truffa è stata smascherata ed è scattata pure una denuncia, da parte della Polizia Locale. E’ andato avanti per settimane: nei bar e nei ristoranti, nelle piccole aziende, tra negozi e botteghe. Raccontava di questa squadra in via di formazione, ma che aveva bisogno di sponsor per cominciare.

Una squadra che tra l’altro avrebbe ‘raccolto’ anche qualche giovane promessa della Feralpi Salò, che magari in prima squadra non trovava spazio. E su cui avrebbero pure puntato alcuni noti imprenditori. Da un locale all’altro, anche fuori paese. Ha continuato per tre mesi: abile oratore, convinceva con le belle parole e con la sua faccia pulita i commercianti e gli esercenti.

Fino a farsi consegnare qualche soldino: una donazione che risultava poi ‘segnata’ su di una ricevuta per liberalità, poi ovviamente fasulla. La Polizia Locale ha indagato, e ha scoperto che su di lui già pendeva una denuncia per truffa, in provincia di Pisa. Risulta residente a Toscolano Maderno, ma di lui non si hanno più notizie. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento