rotate-mobile
Cronaca Salò

Esce in barca, ma si perde nella nebbia: paura in mezzo al lago

L'uomo era uscito per una battuta di pesca sportiva: ad aggravare la situazione anche un leggero urto con il basso fondale

Uscito nel tardo pomeriggio per una battuta di pesca sportiva, ha perso l'orientamento per colpa della fitta nebbia che avvolgeva il Lago di Garda. Bloccato in mezzo al lago, il diportista non riusciva più a navigare per fare rientro al porto, anche a causa di un leggero urto con il basso fondale. Urto che - fortunatamente - non ha causato infiltrazioni di acqua. Per questa ragione l'uomo ha chiesto aiuto alla guardia costiera del Lago di Garda. 

Il salvataggio nel tardo pomeriggio di giovedì al largo del golfo di Salò. La sala operativa ha dato immediati consigli al malcapitato diportista, con cui ha mantenuto un costante contatto telefonico. Tramite smartphone, l'uomo è poi riuscito a fornire le coordinate geografiche della sua posizione. 

Informazioni che sono state passate ai guardiacoste impiegati nella ricerca. Una volta raggiunta la barca in difficoltà è stato accertato che il pescatore era in buone condizioni e che la barca poteva ancora navigare in autonomia. La guardia costiera quindi scortato l'imbarcazione fino al porto "Le Sirene" di Salò.

Nel raccontare questo salvataggio andato a buon fine, la guardia costiera del Lago di Garda ricorda ai diportisti di non avventurarsi in navigazioni con fitta nebbia, soprattutto con natanti privi di sistemi radar o di cartografia elettronica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esce in barca, ma si perde nella nebbia: paura in mezzo al lago

BresciaToday è in caricamento