Cronaca

Primo sabato di saldi: tanta gente in centro, multati (e denunciati) cinque giovani

Nonostante le basse temperature, e il divieto di consumare nei bar e nei ristoranti, il centro della città ha visto un discreto afflusso di gente

Il nuovo McDonalds cittadino. Fonte: Facebook

Vietato raggiungere il capoluogo dai paesi di provincia, vietato consumare nei ristoranti e nei bar, vietato creare capannelli di persone: eppure il centro storico della città nel pomeriggio di ieri ha visto un discreto afflusso di gente, clienti desiderosi di concedersi qualche spesa grazie al primo sabato di saldi invernali. 

Chi ha potuto, ha approfittato dei saldi nei due giorni della partenza, giovedì e venerdì, quando grazie alla "zona gialla" erano aperti anche bar e ristoranti. Chi ha optato - per scelta o necessità - per il sabato, ha dovuto fare i conti con le opportune limitazioni all'accesso ai negozi, che hanno creato alcune code all'ingresso, ma la situazione è stata complessivamente tranquilla e non si sono registrate violazioni. 

Gli assembramenti maggiori si sono verificati all'esterno di alcuni bar, dove soprattutto i più giovani si fermavano per consumare ciò che non potevano mangiare o bere all'interno. Capannelli di persone si sono visti lungo tutto il pomeriggio in piazza Tebaldo Brusato, piazzale Arnaldo e soprattutto nei pressi di piazza Vittoria, all'esterno del nuovo punto vendita cittadino di Mc Donalds.  

Proprio in piazza Tebaldo Brusato si è verificato l'episodio più "spiacevole" della giornata. I carabinieri impegnati nei controlli hanno infatti multato cinque giovani che non rispettavano il distanziamento, consumando al di fuori dei limiti orari consentiti bevande alcoliche. I cinque hanno preso malissimo la notizia della multa (400 euro a testa, per un totale di 2mila euro) ed hanno "minacciato e oltraggiato" i pubblici ufficiali: per questo motivo a loro carico pende ora anche una denuncia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo sabato di saldi: tanta gente in centro, multati (e denunciati) cinque giovani

BresciaToday è in caricamento