L’agriturismo degli orrori: carne scaduta da anni, muffa e insetti nel cibo

È davvero lunghissimo l’elenco delle violazioni commesse dal titolare dell’attività, situata a Sabbio Chiese. Per lui, oltre alla denuncia, pure una maxi multa.

Guai seri e multa davvero salatissima per il titolare di un agriturismo di Sabbio Chiese: a seguito di un controllo dei Carabinieri Forestali di Vobarno, sono infatti emerse una sfilza di violazioni sulle norme per la conservazione degli alimenti.

L’elenco è lunghissimo e pure inquietante. All’interno delle celle frigorifere dell’attività, i militari hanno trovato di tutto: confezioni di carne scadute, e da oltre due anni; frutta e verdura coperte dalla muffa; e, dulcis in fundo, alimenti infestati dagli insetti. Tutti i prodotti erano destinati alle vendita e - come altri conservati nei frigoriferi - non rispettavano le norme igieniche e neppure quelle di rintracciabilità ed etichettatura.

Nessuna autorizzazione sanitaria

Ma non è finita qui: pare che l’uomo avesse aperto l’attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande in assenza di qualsivoglia autorizzazione sanitaria, operando all’interno di locali privi dei requisiti igienici previsti dalla legge, omettendo di fornire le indicazioni obbligatorie delle sostanze che provocano allergie o intolleranze e senza rispettare le procedure di autocontrollo basate sul sistema HACCP, tramite il quale vengono individuati i potenziali rischi presenti lungo la catena di preparazione, trasformazione e distribuzione degli alimenti, fissando delle misure di prevenzione per tutelare il consumatore finale. Ecco perché il conto finale è davvero salato: oltre ad essere stato denunciato all’autorità giudiziaria, il ristoratore dovrà pagare una multa di ben 36.494 euro.

Animali non registrati e cani legati ad una catena

Come se non bastasse, altre violazioni sono state riscontate nelle modalità di conduzione dell’azienda agricola: il titolare non aveva effettuato le registrazioni obbligatorie dei trattamenti terapeutici degli animali allevati, che in alcuni casi erano pure privi della necessaria marchiatura identificativa. Non solo: aveva pure legato due cani con una catena, comportamento contrario al regolamento regionale sulla tutela degli animali d’affezione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, avrebbe pure violato le norme in materia urbanistico-edilizia: aveva realizzato diverse strutture senza aver prima ottenuto le necessarie autorizzazioni, dato che una parte dell’area dove si trova l’azienda agricola è dichiarata bene culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento