Sabbio Chiese: giudizio immediato per Roberto e Nicolas Montini

"Più pericolosi dei narcotrafficanti": così il procuratore aggiunto Sandro Raimondi aveva definito i membri dell'associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti di pericolosi, stroncata in novembre dai Carabinieri del Ros di Brescia (qui tutti i dettagli della vicenda). 

A finire nei guai Roberto Montini, dipendente (ancora ai domiciliari) della Nicho Srl di Sabbio Chiese, e il figlio Nicolas della Autotrasporti Montini, assieme ai “classificatori” Rudi Tonni, Floriano Borra e Angelo Carugati, definiti “i soggetti preposti alla funzione della verifica di corrispondenza tra i rifiuti scaricati e i relativi documenti predisposti per la cessione alla fonderia”, come si legge nell’ordinanza di arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Notte da incubo dopo la pizza? Ecco perché ci viene così tanta sete

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Brutalmente ammazzata dal marito, niente sepoltura: "Lui non lo permette"

  • Massacrata di botte la fidanzata: la crede morta e brucia l'appartamento

  • Cadavere ritrovato nel lago d'Iseo: forse è la giornalista Rosanna Sapori

Torna su
BresciaToday è in caricamento