rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Rovato / Via 25 Aprile

Folle rissa fuori dal fast food: volano calci e pugni, ragazzo finisce in ospedale

Tre persone denunciate, tra cui un minorenne, e un giovane uomo finito al pronto soccorso per accertamenti.

Dalle parole grosse alle botte. Una scazzottata in piena regola, e in puro stile Far West, è andata in scena nella notte tra sabato e domenica all'esterno del McDonald's di via XXV Aprile, a Rovato.

A scatenare l'acceso parapiglia che ha coinvolto tre persone - tra cui un ragazzino - sarebbero stati futili motivi legati al rumore e all'eccessivo fumo che pare fuoriuscissero da una delle auto in coda al McDrive. Mentre attendevano di ritirare il loro ordine, un 40enne di casa a Rovato e il figlio adolescente avrebbero fatto notare - poco garbatamente - a un 29enne che la sua macchina produceva rumori e odori molesti. Sarebbero volate parole grosse, poi padre e figlio sarebbero scesi dalla loro auto, passando alle vie di fatto.

Pochi istanti concitati ed è nata una scazzottata: i due avrebbero preso a pugni e calci il giovane automobilista che non si sarebbe limitato ad incassare, ma avrebbe -anzi - risposto colpo su colpo. È quindi scattata la chiamata al numero unico per le emergenze, verso l'una di notte: sul posto è arrivata in pochi minuti una pattuglia della polizia locale di Rovato. Gli agenti  hanno sedato gli animi e poi hanno identificato e raccolto le testimonianze delle tre persone coinvolte.

Immediato anche l'intervento dei sanitari del 118, sopraggiunti a bordo di un'ambulanza. Il 29enne - colpito anche in testa dalla raffica di pugni scagliati da padre e figlio - è stato trasportato all'ospedale di Chiari per gli accertamenti del caso. Per lui pare nulla di grave: la prognosi è infatti di pochi giorni. Per tutti e tre la serata si è conclusa nello stesso modo, con una denuncia - a piede libero - per rissa. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle rissa fuori dal fast food: volano calci e pugni, ragazzo finisce in ospedale

BresciaToday è in caricamento