Hotel a luci rosse: prostitute e cocaina in camera, chiesti 9 anni di carcere

Nei guai albergatore rovatese di 59 anni

Foto d'archivio

Tribunale di Brescia. Il sostituto procuratore Benedetta Callea ha chiesto 9 anni di carcere (più una multa di 6mila euro) per un albergatore rovatese di 59 anni, accusato di aver trasformato l'hotel di cui è titolare in una "casa a luci rosse" per consumare cocaina e far sesso con prostitute.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 59enne ha sempre respinto ogni accusa, dichiarandosi innocente, mentre - secondo l'accusa - nel 2015 avrebbe concesso le sue camere a prostitute dell'Est Europa, chiedendo una provvigione di 20 euro. Non solo: stando a quanto si legge nel fascicolo d'inchiesta, avrebbe fornito direttamente cocaina, a volte facendosi pagare persino con mobili ed elettrodomestici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: primo bambino positivo in una scuola bresciana, classe in isolamento

  • Masturbava ragazzini al parco, in cambio gli comprava scarpe e spinelli

  • Incidente in A4 tra Desenzano e Brescia: chilometri di code

  • Precipita per oltre 8 metri: muore sotto gli occhi dei nipotini di 6 e 8 anni

  • Apre nuovo supermercato: maxi-store da 3.800 mq aperto tutti i giorni

  • Un uomo e un ragazzo fanno sesso sul ciglio della strada: multa da 20.000 euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento