Chiede gli arretrati, viene preso a pugni in faccia dal datore di lavoro

Vittima della brutale aggressione un 34enne dipendente di un negozio di frutta e verdura a Rovato. Il giovane ha riportato diverse lesioni al volto ed è stato ricoverato all'ospedale di Chiari

Foto d’archivio

ROVATO. Una richiesta legittima, il pagamento degli stipendi arretrati, sembra essere stata la causa della violenta lite, poi sfociata in un’aggressione, che si è verificata verso le 19 di domenica all’intero di un negozio di frutta e verdura a Rovato. Protagonisti dell’animato diverbio un dipendente, di 34 anni, e il titolare dell’ortofrutta. 

Alla richiesta avanzata dal giovane uomo di ricevere gli stipendi arretrati, il titolare dell’attività avrebbe reagito in malo modo, ricorrendo pure alle mani. Il 34enne sarebbe stato colpito ripetutamente e con violenza, riportando parecchie ferite al volto e alle braccia. 

Per mettere fine al pestaggio è intervenuta una pattuglia della Polizia Locale, che ha fornito la versione di quanto accaduto e che adesso indaga per approfondire i dettagli della vicenda. Sul posto è giunta anche un’ambulanza, che ha prestato le prime cure al 34enne, poi trasferito all’ospedale di Chiari, dov’è stato medicato e sottoposto alle cure del caso. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In queste ore gli agenti della Locale stanno cercando di rintracciare vittima dell’aggressione, che si è resa irreperibile, perché denunci la violenza subita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ha aperto il nuovo ipermercato: un maxi-store da 5.788 mq (e 120 dipendenti)

  • Alcol a minori, sporcizia ovunque e cibo scaduto: 12.000 euro di multa per un fast food

  • Il figlio non risponde, è a letto privo di sensi: giovane medico in fin di vita

  • Prostituzione fuori controllo, 200 escort attive, clienti anche di giorno

  • "Gentile cliente, il punto vendita chiude": 50 dipendenti scaricati con un cartello

  • Altro caso Covid a scuola, il primo sul Garda: bimbi in quarantena nella Bassa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento