Cronaca

Ossicino le perfora l'esofago, muore dopo mesi d'agonia: i medici si difendono

Prosegue il processo – per omicidio colposo – sul decesso di Rosa Pesenti, 64 anni: morirà in ospedale dopo mesi di agonia

Morta per un ossicino, mentre mangiava lo spiedo: le avrebbe perforato prima l'esofago e poi addirittura l'aorta, provocandole la morte dopo cinque mesi di agonia. I fatti risalgono ormai a qualche anno fa: Rosa Pesenti, residente a Calcio e all'epoca 64enne, venne visitata due volte in pochi giorni all'ospedale di Chiari, il 19 e il 24 ottobre del 2014. Per la famiglia i medici non avrebbero fatto abbastanza: la donna infatti morirà nel marzo seguente, in un altro ospedale.

Medici a processo per omicidio colposo

Sono due i dottori del nosocomio bresciano finiti a processo per omicidio colposo: in questi giorni la difesa ha presentato una perizia che tenterebbe di scagionare i medici, perché in occasione delle prime visite non sarebbero stati riscontrati sintomi tali da far sospettare la presenza di un corpo estraneo, appunto l'ossicino.

Per i familiari, invece, i sanitari avrebbero rifiutato di sottoporre Rosa Pesenti a una gastroscopia, nonostante le richieste della figlia, diagnosticandole una semplice gastrite. Grazie a una terapia farmacologica, la donna nei giorni successivi starà meglio. E così sarà anche dopo la seconda visita in ospedale. Ma con il passare delle settimane la situazione peggiorerà irrimediabilmente. Fino al decesso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ossicino le perfora l'esofago, muore dopo mesi d'agonia: i medici si difendono

BresciaToday è in caricamento