Uomo armato e ubriaco, panico a scuola: bambini chiusi in classe dalle maestre

Pomeriggio da incubo alla scuola elementare Gianni Rodari di Roncadelle: un uomo di circa 40 anni si è presentato ubriaco e armato

Foto di repertorio

“Ci sono dei drogati in mensa, voglio portare via mio figlio”: questo è quanto avrebbe detto il padre di circa 40 anni che lunedì pomeriggio si è presentato, completamente ubriaco e armato di un coltello, alle scuole elementari Gianni Rodari di Via Palmiro Togliatti a Roncadelle. Non è successo niente, e per fortuna nessuno si è fatto male: l'uomo è stato fermato grazie all'intervento (decisivo) di un bidello, e poi accompagnato in caserma dai carabinieri. E' stato ovviamente denunciato.

Tutto è successo poco prima delle 16, quando manca poco al suono dell'ultima campanella pomeridiana. Qualche mamma è già in arrivo, per recuperare la prole: ma su tutti è impossibile non notare quell'uomo sulla quarantina, e visibilmente alterato, che entra dritto a scuola e comincia a sbraitare contro tutti.

Se la sarebbe presa prima con gli insegnanti e poi con i dirigenti scolastici: voleva a tutti i costi portare a casa proprio figlio con qualche minuto d'anticipo. Il motivo è ancora oscuro, ma come anticipato pare che abbia riferito della presenza di alcuni tossicodipendenti nella mensa della scuola. Una storia assurda, e sicuramente inventata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza grave in ospedale per un'infezione: un altro caso dopo Veronica?

  • Operai al cimitero: la bara scivola, si rompe e fuoriesce la salma

  • La testa schiacciata tra la gru e il tetto: così è morto Antonio, padre di tre figli

  • Il dramma di Veronica: uccisa a 19 anni da una meningite fulminante

  • Troppa nebbia, esce di strada e finisce nel canale: muore annegato nella sua auto

  • Giovane padre ucciso dalla malattia: "Te ne sei andato troppo presto, proteggici da lassù"

Torna su
BresciaToday è in caricamento