Cronaca Roncadelle

Il mostro della porta accanto: nonno orco violentava le bimbe in taverna

Condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione il 71enne di Roncadelle accusato di violenza sessuale nei confronti di cinque bambine, tra queste anche le sue stesse nipotine

Accuse pesantissime, e confermate dalla condanna in appello: 6 anni e 8 mesi di reclusione (con 200mila euro di multa) per violenza sessuale nei confronti di cinque bambine, tra cui le sue nipotine. Il mostro della porta accanto: il condannato è un insospettabile nonno bresciano di 71 anni, che abita a Roncadelle.

Le molestie e gli abusi si sarebbero protratti per mesi: le bambine (di età compresa tra gli 8 e 12 anni) pare che in qualche modo venissero ricattate, spaventate, obbligate a tenere la bocca chiusa. Una situazione che per fortuna non è durata in eterno: qualcuna di loro non ce l'ha fatta più, e a raccontato tutto ai genitori prima e alle forze dell'ordine poi.

Tutto sarebbe successo in casa, e in alcuni casi anche con altri adulti: ovviamente non guardavano, non sapevano, lui ne avrebbe approfittato a lungo per appartarsi con le piccole, in taverna, lontano da occhi indiscreti. Qui avrebbe allungato le mani, e fatto allungare le mani delle piccole su di lui.

La fine di un incubo, la giusta condanna. Anche in appello è stata confermata la sua colpevolezza: l'uomo avrebbe ammesso solo davanti all'evidenza, non senza lasciare qualche traccia nel corso dei vari interrogatori. Ora la condanna definitiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mostro della porta accanto: nonno orco violentava le bimbe in taverna

BresciaToday è in caricamento