menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle auto bruciate

Una delle auto bruciate

Far west in paese: dopo la rissa, incendiate 5 auto

Succede a Roncadelle, sempre in via Ghislandi: nella notte tra martedì e mercoledì 4 auto in sosta in un parcheggio della zona sono state distrutte dalle fiamme.

Un'altra notte da incubo per i residenti di via Ghislandi a Roncadelle, svegliati di soprassalto da un forte boato. Il tempo di correre alle finestre e hanno assisto al rogo che ha pesantemente danneggiato 5 auto in sosta in un parcheggio della zona. Sono stati proprio gli abitanti a dare l'allarme, nel cuore della notte tra martedì e mercoledì: sul posto i Vigili del Fuoco e i Carabinieri.

L'ipotesi del dolo

Le cause che hanno scatenato l'incendio sono al vaglio degli inquirenti, e non si esclude l'origine dolosa, vista anche la posizione delle auto. Quattro erano parcheggiate vicine, mentre la quinta era a parecchi metri di distanza: si tratterebbe quindi di due roghi distinti. Un episodio che preoccupa anche, e soprattutto, perché si è verificato a poche settimane di distanza dalla furibonda lite scoppiata tra i residenti di una traversa di via Ghislandi e alcuni sinti che vivono nel campo situato nella zona.

Prima la rissa, poi l'incendio

Una rissa  - scoppiata per la musica ad alto volume con cui gli abitanti del campo stavano festeggiando un compleanno - poi degenerata in una brutale aggressione: un 44enne era stato colpito con schiaffi e pugni al capo da alcuni sinti, rimediando un trauma cranico. Gli autori del pestaggio - in tutto tre - sono stati identificati e denunciati. Non solo: nei loro confronti il Questore aveva emesso un foglio di via obbligatorio dal comune di Roncadelle.

Mentre sui social corre veloce il sospetto che si tratti di una 'vendetta' dei nomadi, i carabinieri di Roncadelle - da noi sentiti - smentiscono categoricamente ogni possibile collegamento tra le due vicende. Dopo i provvedimenti presi dal Questore, nel campo sarebbero rimasti solo bambini e anziani e i militari seguono altre piste. Pochi però gli elementi a disposizione di chi indaga: nella zona non ci sono telecamere e i vigili del fuoco non hanno trovato traccia di eventuali inneschi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento