rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Denunciato per stalking, si dà fuoco sotto casa della ex: salvato in extremis

A dare l'allarme è stata proprio la donna che lui aveva perseguitato e pure aggredito

Non hai mai accettato la fine della relazione, durata circa tre anni, con la compagna: prima l'avrebbe perseguitata per settimane, e pure aggredita, poi il disperato gesto. L'uomo, un 45enne di casa a Soncino, paese del Cremonese al confine con Orzinuovi, si è dato fuoco sotto casa della ex, pochi giorni dopo la denuncia per stalking presentata da lei.

A salvarlo, chiamando tempestivamente i soccorsi è stata proprio la ex che lui aveva pedinato, minacciato e pure aggredito fisicamente. Tutto è accaduto in pochi drammatici istanti, lo scorso sabato sera a Romanengo, Comune dove risiede la donna.

Scende dall'auto e si dà fuoco

Il 45enne si è presentato sotto casa della ex che, intimorita dalla sua presenza, ha immediatamente allertato i carabinieri. Proprio mentre lei era al telefono con i militari, lui è sceso dall'auto con una grossa tanica in mano. In pochi secondi l'uomo si è versato addosso il liquido infiammabile contenuto della tanica, per poi darsi fuoco con un accendino.

Solo il tempestivo intervento dei militari, che hanno spento le fiamme avvolgendo il 45enne con un lenzuolo ricevuto proprio dalla donna, ha evitato conseguenze drammatiche. Trasportato in ambulanza all'ospedale Maggiore di Cremona, non sarebbe in gravi condizioni.

Un recente passato di persecuzioni

Forse l'epilogo di una brutta storia di stalking. Dallo scorso marzo, quando lei aveva chiuso la relazione, il 45enne avrebbe cominciato a perseguitarla. Diversi gli episodi riferiti ai carabinieri dalla donna, tra cui un'aggressione fisica, l'incendio della basculante del garage della sua abitazione e la foratura dei pneumatici dell'auto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Denunciato per stalking, si dà fuoco sotto casa della ex: salvato in extremis

BresciaToday è in caricamento