Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Roè Volciano

Antica osteria riapre grazie a due fratelli

Lo storico locale di Trobiolo ha riaperto qualche mese fa

Una serranda storica si è rialzata grazie all'entusiasmo e all'intraprendenza di due bagaj (l'equivalente di gnari in dialetto brianzolo) nati a Limbiate (Monza) e cresciuti professionalmente (e non solo) sulla sponda bresciana del Garda. Si tratta dell'antica osteria "La Vigna" a Trobiolo di Roè Volciano: per decenni crocevia dei nottambuli sia della Valsabbia che del Garda e punto di ritrovo per almeno tre generazioni. Passato attraverso numerose gestioni, il locale aveva chiuso i battenti dopo la pandemia di Covid-19.

"Passavo davanti all'osteria quasi tutti i giorni - racconta lo chef gargnanese d'adozione, Cristian Fugagnoli - e ogni volta pensavo che vedere le serrande chiuse fosse un peccato. Dopo 20 anni di esperienza nel settore, ho pensato che fosse venuto il momento di mettermi in proprio, così ho parlato con mio fratello Mirko e abbiamo preso appuntamento per vedere il locale".

Un amore a prima vista che si è presto trasformato in un'impresa familiare: Cristian e il fratello 31enne Mirko, dopo aver accumulato esperienze in ristoranti prestigiosi come "Tortuga", "Villa Feltrinelli" e "La Darsena", si sono lanciati a capofitto nella nuova avventura. Hanno tolto la polvere dal bancone e dalla cucina dell'antica osteria, senza però stravolgerla. I fornelli si sono riaccesi all'inizio dello scorso marzo e da allora dalla cucina gestita da Cristian sono usciti decine di piatti, serviti in sala con il sorriso e un buon calice di vino dal fratello Mirko.

"Abbiamo dato al locale la nostra identità e il nostro tocco personale, mantenendo al contempo la tradizione: proponiamo piatti tipici della zona insieme alle birre e ai vini della nostra cantina e ad aperitivi sempre seguendo l'andamento delle stagioni".

Anche il nome è rimasto praticamente invariato, alla storica insegna "La Vigna" è stato aggiunto il complemento "dei bagaj". Ma Cristian e Mirko non solo soli: a sostenerli e aiutarli ci sono anche i genitori e la moglie del primo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Antica osteria riapre grazie a due fratelli
BresciaToday è in caricamento