rotate-mobile
Venerdì, 1 Marzo 2024
Cronaca Pralboino

Si siede sul divano, "Non mi sento bene": padre di famiglia muore in casa

La tragedia a Pralboino: Roberto Plodari aveva solo 46 anni

Si è seduto sul divano di casa, ha detto ai familiari che non stava bene, poi avrebbe perso i sensi. Sono stati allertati subito i soccorsi, ma la corsa delle ambulanze verso l'abitazione dell'uomo è stata, purtroppo, inutile. Aveva solo 46 anni Roberto Plodari: si è spento improvvisamente nelle scorse ore, stroncato da un malore improvviso che non gli ha lasciato scampo.

Originario di Orzinuovi, viveva da molti anni a Pralboino e lavorava, come tecnico commerciale, alla Denkavit di Montichiari. Conosciuto e stimato in paese, ma anche in tutto il Bresciano (e non solo ) per lo sport che praticava da moltissimi anni. Plodari era infatti un volto noto delle pedane di tiro a volo: era un atleta della società sportiva Le Rondinelle Azzurre di Gambara, con la quale aveva da poco conquistato il secondo posto al campionato italiano - riservato alle società - di compak sporting.

"Hai insegnato tanto a tutti noi"

A diffondere la notizia della sua prematura e improvvisa scomparsa è stata proprio la società di tiro a volo in cui il 46enne militava da molti anni.

"Non ci sono parole per esprimere il dolore che proviamo - si legge sulla pagina social del Tav Le Rondinelle Azzurre -. Roberto era un campione del tiro a piattello che ha sempre portato a casa grandissimi risultati e che per tutti era un riferimento. Era una persona super disponibile, davvero con tutti, per qualsiasi cosa, per qualsiasi problema potevi correre da lui e ti aiutava a risolvere".
Una passione, quella per il tiro al piattello, che Plodari ha saputo trasmettere anche al figlio, atleta della nazionale di compak sporting. "Ha trasmesso l’amore per questo sport anche a suo figlio che è sempre stato il suo orgoglio e una sua immensa soddisfazione - si legge ancora nel lungo e toccante post della società sportiva - . Questo Robi l’ha trasmesso veramente: l’importanza di amare uno sport, di divertirsi sempre senza badare al risultato, di stare in compagnia e di aiutarsi a vicenda. Siamo sicuri che hai insegnato tanto a tutti noi. Promettiamo, nel nostro piccolo, di stare vicino a Silvia e a Matteo come una vera squadra, anzi come una vera famiglia sa fare."

L'ultimo saluto

E sono decine i messaggi di cordoglio e le testimonianze di affetto apparse in rete nelle ultime ore e rivolte alla moglie e al figlio, poco più che maggiorenne, del 46enne. L'ultimo commosso saluto sarà celebrato alle 15 di domani, mercoledì 21 dicembre, nella basilica parrocchiale di Pralboino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si siede sul divano, "Non mi sento bene": padre di famiglia muore in casa

BresciaToday è in caricamento