menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Fatture false per mezzo miliardo, in fuga in Brasile: arrestato Roberto Guerini

Era nel lungo elenco degli indagati per l'operazione “Evasione continua” da mezzo miliardo di euro: arrestato in Brasile il 60enne Roberto Guerini

La sua latitanza è durata solo pochi mesi: è stato arrestato in Brasile Roberto Guerini, il commercialista bresciano di 60 anni che risultava coinvolto nella maxi-inchiesta della Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura, che nel febbraio scorso si è conclusa con 86 indagati e 22 misure di custodia cautelare (per altrettanti soggetti tra cui, appunto, anche Guerini).

Intercettato in Brasile: chiesta l'estradizione

Il 60enne è stato intercettato dalla polizia brasiliana, che ha immediatamente informato le autorità italiane: sarebbe già stata richiesta anche l'estradizione, così che possa essere processato in Italia. L'operazione dello scorso inverno aveva permesso di smascherare una rete di insospettabili professionisti, avvocati e commercialisti, politici e incensurati (perfino un religioso) nell'ambito dell'inchiesta denominata “Evasione continua”.

In tal senso, gli uomini della Guardia di Finanza di Brescia – in collaborazione con lo Scico di Roma, il Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata – erano riusciti a ricostruire un “giro” di fatture false da mezzo miliardo di euro, per un'evasione fiscale di oltre 80 milioni.

Un laboratorio da mezzo miliardo di false fatture

Tutto sarebbe partito dalla denuncia di un commercialista, in carcere per un'altra inchiesta, che avrebbe raccontato nel dettaglio i meccanismo del “laboratorio” in cui sarebbero state confezionate le false fatture. Le indagini e gli accertamenti sono proseguiti per più di un anno e mezzo: come detto, l'operazione si è conclusa con 86 indagati (tra cui una quarantina in provincia di Brescia) e 22 arresti. Tra questi anche Roberto Guerini, finalmente preso nonostante la sua fuga d'oltreoceano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Dati sbagliati dalla metà di ottobre: così la Lombardia ha "sballato" i conti

Coronavirus

Covid: 43 casi in una settimana, in paese è allerta massima

Coronavirus

Pazienti positivi nell’ospedale no-Covid, chiuso un reparto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento