Cronaca Desenzano del Garda

Automobilista fa disastri nel parcheggio, lui lo segnala e viene pestato a sangue

L'episodio lunedì sera: preso a pugni e ricoverato in ospedale

Una scena che ha dell'incredibile, lunedì sera a Rivoltella: un commerciante di 56 anni è stato brutalmente aggredito soltanto perché stava segnalando ai carabinieri le folli manovre di un ragazzo alla guida di una Volkswagen. Quest'ultimo avrebbe danneggiato non solo la sua stessa auto, ma pure muretti e fioriere, e soprattutto una Fiat Seicento a cui avrebbe “grattato” tutta la fiancata. L'autista maldestro si è allontanato, ma uno dei suoi amici invece no: sarebbe stato proprio lui ad aggredire il commerciante colpendolo con pugni al volto e al costato.

Lesioni al costato e alla cornea

Il 56enne è stato medicato in ospedale, ricoverato in codice verde: gli sono state riscontrate lesioni al costato e alla cornea, ne avrà per 30 giorni (ma è già stato dimesso). La furia si è scatenata poco prima dello scoccare di mezzanotte: è in quel momento che il commerciante, impegnato in una telefonata al 112, è stato colpito prima al volto, allo zigomo, e poi ancora e ancora; solo quando si avvicinato al bar il picchiatore ha desistito e si è allontanato.

E' stato soccorso dall'automedica e da un'ambulanza della Croce Rossa di Rivoltella, e poi accompagnato in ospedale. Le indagini sono affidate ai carabinieri a Desenzano: i militari hanno già la targa del conducente in fuga, e ci sono le testimonianze e le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Le folli manovre, poi il pestaggio

Solo pochi minuti prima un ragazzo (forse alterato) alla guida di una Volskwagen aveva attirato e non poco l'attenzione. Era sceso dallo scivolo di un garage per fare manovra, ma nell'ingranare la retro ha toccato il muro, sfasciando il paraurti posteriore: una volta tornato sul piazzale, in Viale Agello e proprio di fronte a Villa Brunati, ha colpito e abbattuto una fioriera, e infine danneggiato anche la Fiat parcheggiata.

Il commerciante 56enne gli si sarebbe avvicinato, dicendo di fermarsi: al rifiuto del conducente ha imbracciato lo smartphone e allertato il 112. Tempo pochi attimi ed è stato aggredito e pestato, tra l'altro mentre era già al telefono con i carabinieri. In pochi minuti sono arrivati, insieme all'ambulanza. Ma l'ennesimo episodio di questa strana estate pone l'accento sulla questione sicurezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Automobilista fa disastri nel parcheggio, lui lo segnala e viene pestato a sangue

BresciaToday è in caricamento