Cronaca

Trenord: via al bonus risarcimento. Codacons: "Vergognosa elemosina"

Dopo il disastro di dicembre sui treni regionali lombardi Trenord ha proposto, come forma di risarcimento per gli abbonati, lo sconto del 25% su tutti gli abbonamenti ordinari, oltre a viaggi gratis nel week-end

Trenord ha comunicato i bonus e i rimborsi per i disagi causati ai viaggiatori nella settimana dal 9 al 15 dicembre, quando con l'introduzione di un nuovo software di gestione dei turni dei dipendenti, sono state cancellate numerose corse.

Si tratta, fra l'altro, di rimborsi del 25% sui singoli biglietti e viaggi gratuiti nei week end di marzo e maggio per gli abbonati (e un loro accompagnatore).

Il nuovo amministratore delegato, Luigi Legnani, ha incontrato i rappresentanti dei pendolari e delle associazioni dei consumatori presenti nella Conferenza regionale del Trasporto pubblico locale.

I titolari di abbonamento annuale e mensile potranno viaggiare gratis su tutta la rete nei week-end di marzo e di maggio, e potranno portare con sé anche un'altra persona che viaggerà con loro gratuitamente.

I bonus saranno poi riconosciuti a febbraio, quindi con un mese di anticipo rispetto a quanto prevede il contratto di servizio: si tratta di un bonus del 25% sugli abbonamenti ordinari (mensili e TrenoMilano), del 10% sul costo di un mese per gli abbonamenti annuali, mentre ci saranno rimborsi del 25% per i titolari di viaggio integrati, gli abbonamenti settimanali e le corse singole.

"No alle elemosina!", ha dichiarato Marco Donzelli, presidente del Codacons, a seguito della proposta Trenord. "Quanto avanzato è una vergogna! Non hanno riconosciuto l'eccezionalità del danno subìto dai passeggeri e le loro gravi responsabilità", ha proseguito Donzelli.

"Nei week-end poi i pendolari vogliono fare tutto, salvo tornare sui pessimi treni su cui hanno già viaggiato per tutta la settimana. Invitiamo i consumatori a non accettare risarcimenti vergognosi e ad aderire alla class action del Codacons. Si tratta, ripeto, di pura elemosina - ha poi concluso Donzelli -, considerato che persino per le tratte più lunghe, da 160 a 180 Km, lo sconto del 25% equivale ad un indennizzo pari a 29,25 euro".

L'associazione ricorda di aver chiesto 3.650 euro a passeggero come risarcimento del danno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenord: via al bonus risarcimento. Codacons: "Vergognosa elemosina"

BresciaToday è in caricamento