Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca

Scandalo corruzione, nei guai commercialista bresciano: chiesto il giudizio immediato

Prosegue la vicenda giudiziaria

Nel febbraio scorso le ordinanze di custodia cautelare, ora la richiesta di giudizio immediato da parte della Procura di Brescia: prosegue la vicenda giudiziaria che vede coinvolti il commercialista Mario Rigamonti e i funzionari pubblici Salvatore Basiricò (Agenzia delle Entrate) e Gaetano Vitrano (Inps). Sono accusati, a vario titolo, di corruzione e accesso abusivo a un sistema informatico e telematico.

Le indagini della Guardia di Finanza

Secondo quanto riferito a suo tempo dalla Guardia di Finanza, dalle indagini sarebbero emersi ripetuti scambi di favori indebiti, che consistevano in benefit di varia natura a fronte della commissione di atti contrari ai doveri d'ufficio: tra questi anche i ripetuti accessi abusivi alle banche dati istituzionali e la rivelazione di informazioni attinenti a pendenze tributarie e previdenziali di numerose società.

Il commercialista, scriveva ancora la GdF, in cambio dei favori avrebbe permesso a Vitrano di acquistare una Jeep di fatto senza pagarla, ma solo scambiando la sua vecchia auto, mentre a Basiricò con lo stesso metodo sarebbe stato regalato uno scooter, oltre che promesso un posto di lavoro al figlio. Gli interessati hanno sempre negato ogni addebito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scandalo corruzione, nei guai commercialista bresciano: chiesto il giudizio immediato

BresciaToday è in caricamento