Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Rezzato: una "tomba" da 1 milione di metri cubi per sotterrare rifiuti speciali

Il progetto di una nuova discarica a Rezzato, negli spazi dell'ex Cava Gaburri, a poche centinaia di metri da un progetto già criticato: la proposta è firmata La Castella, controllata da Garda Uno

Un'altra discarica in provincia: la richiesta è arrivata solo poche settimane fa. Questa volta siamo a Rezzato, negli spazi dell'ex cava Gaburri: a fare domanda è la società La Castella srl, società detenuta al 100% da Garda Uno. Lo scrive il Giornale di Brescia.

Garda Uno è una multiutility a partecipazione pubblica con sede a Padenghe, e che si occupa tra l'altro della gestione del ciclo dei rifiuti. Pubblica perché è controllata a sua volta da numerosi Comuni del Garda e dell'hinterland: su tutti Desenzano (quasi il 22% delle quote) e Lonato (quasi l'11%).

Il progetto della discarica, come detto, la prevede nell'area dell'ex cava Gaburri: non lontano da dove sarebbe dovuto sorgere un altro impianto. Qualche dettaglio: il nuovo insediamento dovrebbe occupare quasi 121mila metri quadri di terreno, con un impianto attrezzato per lo smaltimento di almeno 14 diverse tipologie di rifiuti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rezzato: una "tomba" da 1 milione di metri cubi per sotterrare rifiuti speciali

BresciaToday è in caricamento