Cronaca

Nuova discarica da 120mila tonnellate di rifiuti l'anno: è allarme in paese

La multiutility Garda Uno avrebbe già presentato richiesta – dopo la bocciatura della Castella – per la realizzazione di una nuova discarica, tra Rezzato, Buffalora e Castenedolo

Foto di repertorio

Sarebbe stata presentata in questi giorni la richiesta di Via – Valutazione d'impatto ambientale – per la realizzazione di una nuova discarica a Rezzato, al confine con Buffalora e Castenedolo: il proponente è sempre Garda Uno, la multiutility con sede a Padenghe che già si era vista bocciare i progetti per la “Castella 1” e per la “Castella 2”, quest'ultima bloccata addirittura da una sentenza del Consiglio di Stato.

La nuova richiesta riguarderebbe un'area leggermente spostata rispetto all'originale, ma comunque riferibile all'Ambito estrattivo Ateg25 (che estrattivo non è più): anche quantità e volumi richiesti di rifiuti da trattare – 120mila tonnellate l'anno per un totale di 905mila metri cubi complessivi – sono tali e quali a quelli già presentati nella precedente richiesta.

Un risarcimento da 17 milioni di euro

Sul nuovo progetto si sarebbe già registrata la levata di scudi dei Comuni interessati: a partire da Rezzato fino ai confinanti, oltre ovviamente a Brescia. Intanto la richiesta è stata depositata in Regione e in Provincia: da qui alle prossime settimane si vedrà. Sul precedente progetto, come detto bocciato anche dal Consiglio di Stato, Garda Uno aveva chiesto un risarcimento di 17 milioni di euro al Comune di Rezzato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova discarica da 120mila tonnellate di rifiuti l'anno: è allarme in paese

BresciaToday è in caricamento