menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spara ai ladri in azienda, poi prende una lama e si accoltella da solo

Nei guai una guardia giurata di 39 anni: deve rispondere di simulazione di reato e procurato allarme

Giovedì mattina i carabinieri della Stazione di Isorella hanno denunciato, in stato di libertà, una guardia giurata di 39 anni. Simulazione di reato e procurato allarme sono le accuse mosse nei suoi confronti.

L'uomo avrebbe infatti simulato un'aggressione per giustificare l'uso della pistola. I fatti risalgono allo scorso 3 giugno: la guardia giurata era stata inviata in una ditta di Remedello perché era scattato l’allarme. Una volta arrivato sul posto, aveva sorpreso 4 persone incappucciate che cercavano di rubare componenti per veicoli industriali. 

Stando a quanto riferito dai militari in una nota, il vigilante - dopo aver avuto una breve colluttazione - aveva estratto una pistola e poi sparato due colpi, mettendo così in fuga i malviventi. Poi, per paura di non saper come giustificare l’uso dell’arma, si era tagliato l'avambraccio, con un coltello in suo possesso.

In buona sostanza, secondo i militari, si sarebbe ferito per rendere più credibile la sua versione dei fatti. Un racconto che non ha convinto fino in fondo i carabinieri: ascoltati i testimoni e raccolto gli indizi necessari, hanno ricostruito la vicenda. Alla guardia giurata è stata ritirata l’arma in dotazione e il porto d’armi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Imprenditore bresciano stroncato dal Covid: lascia quattro figli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento