Cronaca

Ragazzo massacrato a coltellate: identificato l’aggressore

I Carabinieri di Desenzano sulle tracce dell'aggressore di Mohamed Limira, il marocchino di 28 anni colpito da dieci coltellate nella notte tra sabato e domenica, tra Remedello e Visano. Il movente? La droga

I Carabinieri di Desenzano sono riusciti a identificare l’aggressore di Mohamed Limira, il marocchino di 28 anni che nella notte tra sabato e domenica è stato vittima di un tentato omicidio, colpito da dieci coltellate tra collo, torace e fianchi. Aggredito nelle campagne tra Remedello e Visano, forse per un regolamento di conti.

Il presunto aggressore sarebbe un suo connazionale: i militari sarebbero già sulle sue tracce, proseguendo nelle operazioni di indagini con perquisizioni e appostamenti. Il movente, probabilmente la droga: anche per Limira un passato burrascoso alle spalle, immigrato clandestino già noto alle forze dell’ordine. E’ ancora ricoverato in ospedale, non è ancora fuori pericolo: le coltellate hanno sfiorato il suo cuore, lo hanno ferito ad un polmone.

Non appena si rimetterà, in attesa del nulla osta dell’ospedale, verrà interrogato dai Carabinieri. Sono intanto decine gli stranieri già fermati dai militari, per una caccia all’uomo su area vasta e che va pure oltre il confine bresciano. Mohamed Limira infatti risulta residente a Castel Goffredo, nell’alto mantovano.

Due le ipotesi al vaglio degli inquirenti che avrebbero potuto scatenare la violenta aggressione: o uno sgarro nel mercato dello spaccio, oppure un conto in denaro non saldato ai fornitori di droga.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazzo massacrato a coltellate: identificato l’aggressore

BresciaToday è in caricamento