Cronaca Breno

Prostituta rapita nel ravennate e sequestrata a Breno: nuove accuse

È stata notificata ai tre romeni già in carcere un'ordinanza di custodia cautelare per riduzione e mantenimento in schiavitù e prostituzione minorile aggravata

Il 16 agosto scorso a Marina Romea, sul litorale ravennate, una giovane romena di oli diciasette anni era stata rapita e sequestrata a Breno per essere costretta, suo malgrado, a prostituirsi. I carabinieri del Norm e della locale Stazione, al termine delle indagini sviluppate fin nelle province di Brescia e Varese - e che già avevano portato all'arresto di tre connazionali della giovane - hanno ipotizzato che dietro a tutto ci sia stato un gruppo ben organizzato dedito alla tratta e allo sfruttamento di ragazze romene.

Per questo ai tre accusati, tutti ancora in carcere, - i primi due arrestati nel giro di 24 ore e il terzo individuato l'8 settembre scorso in un bar di Busto Arsizio - è stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare per riduzione e mantenimento in schiavitù e prostituzione minorile aggravata, accuse che si vanno a sommare alle precedenti (il sequestro di persona e lo sfruttamento della prostituzione). Si tratta - secondo quanto riportato in una nota dell'Arma - di Julian Boisteanu, di 24 anni, di Alexandra Stanciu, di 20, e di Catalin Bocanet, di 40.


La minorenne presunta vittima dei tre è stata prima attirata in l'Italia con il miraggio di un lavoro normale. Ma una volta arrivata, per lei è iniziato lo sfruttamento. Le è stato fornito un documento falso con generalità inventate di una maggiorenne, quindi è stata istruita su cosa dovesse fare e dire in caso di controlli delle forze dell'ordine. Alla diciassettenne, costretta anche a subire pesanti vessazioni, oltre alla violenza fisica era costantemente oggetto di minacce, assieme alla sua famiglia in Romania.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituta rapita nel ravennate e sequestrata a Breno: nuove accuse

BresciaToday è in caricamento