Cronaca

Rave party sul Po: 200 denunciati, tra di loro anche bresciani

Blitz dei Carabinieri nel corso del maxi rave andato in scena sulle rive del Po, al confine tra Parma e Cremona. Duecento i ragazzi denunciati, tra cui i due presunti organizzatori

Foto d'archivio

C’erano anche dei ragazzi bresciani nel corso del raduno a tutto techno andato in scena lo scorso weekend sulle rive del Po, al confine tra Cremona e Parma tra i paesi di San Daniele e Roccabianca.

Centinaia di persone all’improvvisato rave party, che ha chiamato a sé ragazzi da tutto il Nord Italia. Inevitabile il blitz dei Carabinieri, giunti sul posto con una decina di pattuglie, e almeno una quarantina di militari.

Almeno 200 persone sarebbero state identificate e denunciate, con l’accusa di occupazione illecita di suolo pubblico. Tra di loro anche i due presunti organizzatori, che rischiano pene ben più severe, e anche altri due ragazzi, rei di aver sottratto due biciclette alla stazione ferroviaria di Cremona.

In paese e nei dintorni sarebbero poi scomparse altre bici, furti legati probabilmente alla massa di giovani che ha poi partecipato al rave.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rave party sul Po: 200 denunciati, tra di loro anche bresciani

BresciaToday è in caricamento