rotate-mobile
Cronaca

Le rapine scatenate della ballerina e del fidanzato: i "Bonnie e Clyde" della valle

Già condannati per una rapina in sala slot, ora a processo per un secondo colpo

Li chiamavano i "Bonnie e Clyde della Valseriana": lo scrive Bergamonews, che riporta gli ultimi aggiornamenti di una storia di rapine per cui i presunti protagonisti, uomo e donna oggi di 29 e 32 anni, erano già stati condannati. In particolare è la ragazza, ex ballerina di origini cubane, ora sul banco degli imputati: per un colpo (da 400 euro) andato a segno all'ufficio postale di Gorno. Un super-testimone, infatti, avrebbe riconosciuto la "marca" del coltello con cui la giovane avrebbe minacciato i cassieri, poi trovato nella sua abitazione durante una perquisizione.

In quell'occasione, come detto, i Bonnie e Clyde della valle erano fuggiti con un bottino di circa 400 euro. L'episodio risale all'ottobre di cinque anni fa: i due rapinatori, coppia nella vita e nella "mala", erano scappati a bordo della stessa Fiat Tipo su cui saranno avvistati qualche giorno dopo, la notte tra il 30 e il 31 ottobre 2018, al termine di un'altra rapina messa a segno in una sala slot di Clusone.

La rapina e la fuga

Dopo aver sottratto circa un migliaio di euro in contanti, erano scappati in auto ma poi intercettati a un posto di controllo: la 32enne alla guida, dopo aver forzato il blocco, avrebbe tentato di investire un carabiniere. Per la vicenda i due erano stati poi raggiunti e arrestati, scappati a piedi e trovati nascosti in un casolare, poi condannati: 8 anni di carcere per lui, 3 anni e 6 mesi per lei. Non è finita: le indagini si sono poi concentrate sulle loro responsabilità anche nella prima rapina. Per que fatto il fidanzato è stato condannato (con rito abbreviato) a 2 anni e 8 mesi: ora anche la compagna è finita (di nuovo) a processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le rapine scatenate della ballerina e del fidanzato: i "Bonnie e Clyde" della valle

BresciaToday è in caricamento