Cronaca

Finti poliziotti per rapinare i soldi (anche in nero) di professionisti e imprenditori

Sono stati condannati in tutto a 24 anni di carcere i sei componenti della banda dei finti poliziotti che per mesi ha terrorizzato professionisti e imprenditori che portavano contanti dentro e fuori l'Italia

Foto di repertorio

Condanne pesanti, pesantissime per i componenti della banda dei finti poliziotti: un gruppo composto da criminali bergamaschi e milanesi che nei mesi aveva colpito anche nel Bresciano, e più volte. Una donna di Lumezzane, ad esempio, era stata derubata ben due volte: la prima di 40mila euro, la seconda di 25mila.

Sono sei le persone finite a processo: in tutto le condanne “valgono” almeno 24 anni di carcere. I nomi dei condannati: Palmiro Bonomelli 6 anni di reclusione, Giovanni Danesi, Luca Agosta e Antonio La Fronza 4 anni e 8 mesi, Salvatore Di Stefano e Fouad Choukrane 4 anni.

Tre di loro hanno patteggiato, altri tre hanno scelto il rito abbreviato (con la riduzione di un terzo della pena). Il loro “sistema” ha funzionato a lungo: lavoravano sul confine con i Balcani, si fingevano poliziotti. Un finto lampeggiate sulla macchina, una finta pettorina con la scritta “Polizia” sul petto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finti poliziotti per rapinare i soldi (anche in nero) di professionisti e imprenditori

BresciaToday è in caricamento