La banda del buco: danni per migliaia di euro, ma la cassaforte è vuota

Hanno preso a mazzate il muro e sfondato la cassaforte con la fiamma ossidrica: banditi in fuga a mani vuote dall'ufficio postale di Centenaro

I danni causati dai banditi © Bresciatoday.it

Fiamma ossidrica e mazza da cantiere, auto col motore acceso e pronti a partire: la banda del buco colpisce ancora, ma stavolta ha preso male le misure. Danni per migliaia di euro all'ufficio postale di Centenaro di Lonato, ma bottino pari a zero: la cassaforte infatti era vuota. E' successo nella notte tra lunedì e martedì: sull'accaduto indagano i carabinieri di Desenzano.

L'allarme suona alle 3.30

L'allarme è scattato intorno alle 3.30: solo poco prima i banditi avevano aperto il cancello delle Poste e attraversato il cortile dell'edificio, uno stabile di proprietà comunale dove è presente anche un appartamento disabitato. I ladri sono entrati dal retro: hanno forzato una tapparella e fracassato la finestra in vetro.

Una volta dentro, hanno preso a mazzate il muro fino a sfondato: era l'ultimo ostacolo prima di entrare davvero nell'ufficio postale. Hanno puntato dritti alla cassaforte, mentre l'allarme già suonava: in pochissimi minuti, utilizzando una fiamma ossidrica, hanno sciolto il metallo e aperto il forziere.

Aperta la cassaforte, dentro non c'è niente

Al suo interno però non c'era proprio nulla: fallito il colpo, i ladri hanno fatto dietrofront e sono fuggiti, passando di nuovo dal buco ma non dalla finestra, a circa un metro da terra. Sempre con la fiamma ossidrica hanno fatto saltare la serratura blindata. Poi la fuga nella notte: se ne sono andati pochi attimi prima che arrivassero i carabinieri e la vigilanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Indagini in corso, ma non sarà facile: le Poste di Centenaro non sono attrezzate con telecamere di videosorveglianza. I militari sono dunque al lavoro in cerca di testimonianze utili alle indagini: facile immaginare, in un paese così piccolo, che qualcuno possa aver visto qualcosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo focolaio bresciano: positivi 15 ragazzi, sono tutti in isolamento

  • Uccide una bimba travolgendola sulle strisce: padre di famiglia in manette

  • Tragico schianto sulla 45bis: auto schiacciata da un camion, morto il conducente

  • Animatore del grest positivo al coronavirus, bambini e ragazzi in isolamento

  • Tetti distrutti, auto schiacciate dagli alberi: i 20 minuti d'inferno della tempesta

  • Cadavere in montagna: risolto il 'mistero' dell'escursionista trovato morto

Torna su
BresciaToday è in caricamento