Cronaca San Bartolomeo / Via Triumplina

Rapina in farmacia: calci e pugni, ma niente bottino

Rapinatore col volto coperto dal casco è entrato in una farmacia di via Triumplina in cerca dell’incasso: personale aggredito e registratore sfasciato, ma se n’è andato a mani vuote.

Una rapina a dir poco violenta, con l’ira del malvivente che si è abbattuta prima contro il dipendente dietro al bancone, poi contro il registratore di cassa, sfasciato e scagliato a terra. Lo sforzo però è stato vano: la cassa, modernissima, non ha liberato il suo contenuto in contanti, e il rapinatore è stato costretto a desistere. 

Erano all’incirca le ore dodici di ieri, sabato 13 agosto, quando un malvivente col colto coperto da un casco da motociclista è entrato nella farmacia Vincoli, che da poco ha un nuovo accesso lungo via Triumplina, in città. Minacciando il dipendente con una pistola - non si sa se vera o giocattolo - gli ha intimato di consegnargli l’incasso. Il farmacista però gli ha detto che non lo poteva fare visto che il grosso dei contanti non era disponibile, da qui è scattata la sua ira. 

Oltre a colpire il dipendente con calci e pugni, il rapinatore ha sfasciato la cassa e l’ha gettata a terra, senza ottenere quanto desiderato. A bocca asciutta, è stato perciò costretto ad andarsene a bordo dello scooter posteggiato all’esterno. Il tentato colpo è durato diversi minuti, tutto è stato ripreso dalle videocamere di sorveglianza a circuito interno: da qui gli uomini della Squadra Mobile sperano di ricavare elementi utili all’identificazione del rapinatore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina in farmacia: calci e pugni, ma niente bottino

BresciaToday è in caricamento