Commando armato rapina l'ospedale Civile: condannato il primo bandito

Prima condanna per il primo bandito della rapina a mano armata al Civile di Brescia del dicembre 2014: un colpo da 50mila euro. I complici di Cristian Ciccone saranno processati il prossimo 7 giugno

Al via il processo per i rapinatori del Civile, i tre banditi che nel dicembre del 2014 assaltarono armati di pistola le casse degli ambulatori dell’ospedale, scappando a bordo di un Fiat Doblò rubato solo poche ore prima e che venne abbandonato in un campo: fu un vero colpo grosso, per un bottino da circa 50mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ stato processato il primo dei tre, il bresciano Cristian Ciccone: condannato a 1 anno di reclusione, che si va ad aggiungere agli altri 4 anni per condanne relative ad altri colpi, ad altre rapine a mano armata. Un vero professionista del suo settore, che adesso rimarrà in carcere per un bel po’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Il Dpcm Coronavirus è stato firmato: tutte le nuove regole valide fino al 13 novembre

  • Tentato suicidio a scuola: ragazzina si butta dal balcone

  • Nel Bresciano 35 contagi in 24 ore: i nuovi casi Comune per Comune

  • Coprifuoco in tutta la Lombardia, ok del governo: dalle 23 stop attività e spostamenti

  • Brescia: è morto il papà di Francesco Renga, aveva 91 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BresciaToday è in caricamento