Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca Centro / Via Fratelli Porcellaga

Terrore in piazza: maniaco insegue due ragazzine di 15 e 17 anni per violentarle

Arrestato a Brescia un 42enne che domenica pomeriggio avrebbe inseguito due ragazzine minorenni: è accusato di tentata violenza sessuale

Tentata violenza sessuale e violenza privata: sono queste le accuse mosse dei confronti del 42enne di origini ucraine che nel tardo pomeriggio di domenica avrebbe inseguito e quasi violentato due ragazzine di 15 e 17 anni, e poi aggredito anche il padre di una delle due. A seguito di repentini accertamenti, l'uomo è stato arrestato in tarda serata dalla Polizia Locale: ora si trova in carcere, a Canton Mombello, in attesa dell'udienza di convalida prevista per martedì mattina.

Tutto sarebbe successo domenica, come detto, tra le 18 e le 18.30. Le due ragazzine sarebbero state avvicinate e poi inseguite nella zona di Piazza Vittoria, in pieno centro a Brescia, fino a raggiungere Via Porcellaga. Le intenzioni dell'uomo sarebbero state subito chiare, costringendo le due minorenni a una disperata fuga.

Prima insegue le ragazzine, poi aggredisce il padre

Una volta raggiunta l'auto del genitore di una delle due, non è che l'aggressore si è fermato: anzi, avrebbe aggredito anche il padre, trascinandolo giù dall'auto per poi riprendere a molestare le ragazzine. Una delle due nel frattempo aveva già chiamato il 112. In pochi attimi, sul posto, una pattuglia della Polizia Locale. Non è stato comunque facile immobilizzare l'uomo, che non avrebbe precedenti (almeno in Italia).

Trattenuto in camera di sicurezza per qualche ora, è stato arrestato in serata. Al di là delle testimonianze delle vittime, gli atteggiamenti inequivocabili del 42enne sarebbero stati ripresi anche dalle telecamere di videosorveglianza installate in zona. Difficile, se non impossibile, che nelle prossime ore il suo arresto non venga convalidato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrore in piazza: maniaco insegue due ragazzine di 15 e 17 anni per violentarle

BresciaToday è in caricamento