Cronaca

"Non sono brave musulmane": 4 sorelle picchiate dai genitori

Il fratello e i genitori condannati a 5 anni di carcere

Condannati in primo grado, ora anche in appello: sono i familiari – padre, madre e fratello – delle quattro ragazze di origini pakistane che per l'accusa (e ora anche per il giudice, in due gradi di giudizio) sarebbero state maltrattate e vessate perché secondo la stessa famiglia “non erano brave musulmane”. 

5 anni di carcere

La Corte di Appello di Brescia ha così respinto le richieste della difesa, che avevano avanzato l'ipotesi di un'attenuante di tipo “culturale”, e confermato la condanna a 5 anni di carcere – per i genitori e il fratello delle ragazze – della sentenza di primo grado.

Negli atti, riportati dal Giornale di Brescia, si legge di “schiaffi, pugni, tirate di capelli”: questo perché le figlie si sarebbero rifiutate di “studiare ogni giorno le sure del Corano”, e ancora botte e minacce “per obbligarle a indossare abiti tradizionali della cultura pakistana”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non sono brave musulmane": 4 sorelle picchiate dai genitori
BresciaToday è in caricamento