menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il luogo della sparatoria

Il luogo della sparatoria

Uccise due rapinatori in fuga: condannato a 11 anni e 4 mesi

La Corte di Cassazione ha emesso sentenza definitiva nei confronti di Mauro Pelella, la guardia giurata che nell'aprile del 2011 a Quinzano d'Oglio uccise due rapinatori in fuga. Condannato a 11 anni e 4 mesi di carcere

Uso illegittimo di arma, reazione spropositata. Le motivazioni, confermate dalla Corte di Cassazione, che hanno portato alla condanna definitiva, per omicidio plurimo volontario, nei confronti di Mauro Pelella, la guardia giurata che il 4 aprile del 2011 a Quinzano d’Oglio uccise a colpi di pistola due rapinatori.

Otello Astolfi, di 62 anni, e Ivan Alpignano, di 38, vennero freddati alla schiena, colpiti più volte: un terzo componente del ‘commando’, Dario Delle Grottaglie, venne poi fermato durante la fuga dai Carabinieri, nelle campagne della Bassa Bresciana. Il quarto rapinatore non è mai stato trovato, né identificato.

I quattro rapinarono la Cassa Rurale e Artigiana, praticamente in centro al paese. Il vigilantes Pelella scaricò loro addosso addirittura un intero caricatore, 15 colpi di pistola. Parte di questi andarono a segno, uccidendo appunto Astolfi e Alpignano.

Pelella ha cercato di difendersi in tribunale, parlando di legittima difesa: i rapinatori in fuga avrebbero cercato di investirlo. Testimonianza poi smentita: l’auto in realtà si stava allontanando. Condannato in primo e in secondo grado, poi la conferma della sentenza: 11 anni e 4 mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    Giornate FAI di Primavera 15 e 16 maggio 2021

  • Concerti

    Brescia: Omar Pedrini alla Latteria Molloy

  • Attualità

    Brescia vince il premio "Città italiana dei giovani 2021"

Torna su

Canali

BresciaToday è in caricamento