Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Vendeva birra anche durante il lockdown, chiuso bar bresciano

Sospesa l’attività di un bar-tabaccheria-paninoteca di via Stoa a Quinzano d’Oglio. Per i prossimi 15 giorni non potrà effettuare vendite d’asporto o consegne a domicilio.

I carabinieri hanno visto un uomo stappare una bottiglia di birra fuori da un bar. Un comportamento proibito in pieno lockdown. Ecco perché sono scattati i controlli e le sanzioni per il titolare del locale: un bar-paninoteca- tabaccheria di via Stoa a Quinzano d’Oglio.

Da lunedì 4 maggio avrebbe potuto ritornare a servire alcolici e caffè - ovviamente d’asporto, come previsto dal nuovo decreto del governo - ma le restrizioni per il proprietario dell’attività dureranno per altri 15 giorni. Proprio lunedì, quando è scattata la Fase 2, gli è stato notificato il provvedimento di sospensione dell’attività per 15 giorni, disposto dalla Prefettura di Brescia.

Una logica e diretta conseguenza della violazione commessa una quindicina di giorni fa, quando il locale non poteva che vendere sigarette e tabacchi. In quella occasione i militari della locale stazione avevano infatti accertato che il bar era aperto al pubblico e vendeva pure bevande alcoliche. Come detto tutto è scattato quando, durante un controllo delle strade del paese, i carabinieri hanno visto un uomo gustarsi una birra fuori dal locale. Sarebbe stato proprio lui a spiegare agli uomini dell’Arma dove aveva acquistato la bevanda alcolica.

Oltre alla sospensione dell’attività, il titolare del locale dovrà pagare una sanzione amministrativa di circa 280 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendeva birra anche durante il lockdown, chiuso bar bresciano

BresciaToday è in caricamento