Rapinatori uccisi a Quinzano: guardia giurata condannata a 11 anni e 4 mesi

Avvolta la tesi dell'accusa di duplice omicidio volontario. Per i giudici, dunque, non si è trattata di legittima difesa

Mauro Pelella, la guardia giurata che il 4 aprile del 2011 uccise due rapinatori nel centro di Quinzano, è stato condannato a 11 anni e 4 mesi di carcere, più un risarcimento del danno in sede civile pari a un totale di 67.500 euro.

I giudici hanno accolto la tesi del duplice omicidio volontario avanzata dal Pm Claudio Pinto. Pelella, tramite il suo avvocato difensore Patrizia Scalvi, ha già preannunciato ricorso in appello. La guardia giurata sostiene da sempre di aver sparato per legittima difesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Massimo Boldi: il negazionista Covid testimonial del nuovo spot di Regione Lombardia

  • Barista fa sesso con un imprenditore, resta incinta e perde il bimbo: "Dammi 60mila euro"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

Torna su
BresciaToday è in caricamento