Cronaca

"Sono rumeno, datemi la residenza": peccato che sia nato in Cina

Foto di repertorio

Nel pomeriggio di venerdì, il comandante dei carabinieri di Quinzano d’Oglio è stato contattato dal responsabile dell’anagrafe del Comune per verificare un caso quanto meno singolare: un cittadino cinese si era appena presentato chiedendo la residenza come cittadino europeo, dichiarando di essere rumeno e mostrando una carta d'identità e una patente rumena rilasciate in Romania.

Il maresciallo Wiliam Giansante si è recato sul posto per controllare il documento, che presentava piccole irregolarità. Dopo aver sottoposto il pretende cittadino rumeno a domande banali, anche parlandogli in rumeno o chiedendo qual era la capitale della Romania, lo ha condotto in caserma a Verolanuova per il prelievo delle impronte digitali e l’identificazione.

Nel frattempo, la polizia locale di Quinzano ha accertato tramite database provinciale che il documento era contraffatto. Gli esiti del controllo sono giunti in contemporanea a quelli sull'identità della persona: a fare richiesta era un cittadino cinese a cui fu negato il permesso di soggiorno circa un anno fa.

Sabato mattina il Giudice di Brescia ha convalidato l’arresto e condannato su patteggiamento il finto rumeno ad un anno di reclusione, pena sospesa ai fini dell’immediata espulsione disposta dalla Questura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono rumeno, datemi la residenza": peccato che sia nato in Cina

BresciaToday è in caricamento