Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca Quinzano d'Oglio

Esche killer nei campi: cane muore avvelenato, è allarme rosso in paese

La zona a rischio è quella a Nord Est dell’abitato di Quinzano d’Oglio, dove nei giorni scorsi sono stati trovati pezzi di volatili intrisi di veleno. Diversi i casi di avvelenamento e ci sono 4 vittime: un pastore tedesco e tre volpi

Esche avvelenate e potenzialmente letali, abbandonate nei campi della zona Nord Est di Quinzano d’Oglio. A dare l’allarme è lo stesso primo cittadino del comune della Bassa, Andrea Solegaroli, che in seguito alle segnalazioni di alcuni cittadini è andato sul posto di persona per cercare le esche avvelenate, raccogliere e farle analizzare.

Stando a quanto verificato dal sindaco si tratta di esche particolari e anche piuttosto ‘appetitose’ per gli amici a 4 zampe, ma pure per gli animali selvatici che circolano nella zona: parti di volatili intrise di insetticida. Una sostanze letale: un pastore tedesco che ha assaggiato la carne avvelenata non ce l’ha fatta ed è morto proprio per le gravi lesioni epatiche causate dal veleno. Stessa sorte per tre volpi. Atri due cani stanno lottando per la vita, e tanti gatti sarebbero misteriosamente scomparsi.

Le zone a rischio

Queste le zone a rischio: le campagne in località Falivera,  lungo la strada che porta a Monticelli, e quelle in direzione di Fenil Bruciato. Altre esche sarebbero state trovate vicino al cimitero, alla cascina Molesine e lungo la strada bassa per Verolavecchia. 

L’invito è quello di prestare la massima attenzione e di raccogliere e portare alle autorità le eventuali esche trovate per poterle analizzare. La preoccupazione è tanta anche perché la zona è frequentata, oltre che da animali a 4 zampe e relativi padroni, da molte famiglie con bimbi piccoli. Massima l’attenzione anche da parte degli inquirenti: i carabinieri di Quinzano e di Verolanuova sono al lavoro per individuare i responsabili. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esche killer nei campi: cane muore avvelenato, è allarme rosso in paese

BresciaToday è in caricamento