Imbiancava i muri, ma con la cocaina: artigiano finisce in manette

Arrestato un italiano di 50 anni

I carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato un imbianchino italiano di 50 anni, pregiudicato, con l'accusa di spaccio di cocaina.

L’uomo è stato fermato a Quinzano d’Oglio in aperta campagna, alle 3 della notte tra giovedì e venerdì, a bordo della propria auto. Ai militari si è giustificato dicendo che era andato ad imbiancare presso il suo capannone. 

Una scusa al limite del ridicolo: oltre a non consentirgli di evitare 400 euro di multa per i divieti anti-covid, gli è valsa la perquisizione personale e quella del veicolo. I militari hanno trovato 16 dosi di cocaina per 10 grammi in totale, oltre al materiale per il confezionamento delle dosi, rinvenuto nel capannone dell'artigiano.

Tratto in arresto dai carabinieri, il gip di Brescia ha poi disposto la liberazione in attesa di processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La nuova star della dieta? Un nutrizionista bresciano: "Ecco il mio metodo"

  • Tutte le regioni zona gialla a dicembre, ma si va verso il divieto di spostamento

  • Tragedia in paese: giovane uomo si chiude in garage e si toglie la vita

  • Maestra positiva al Covid: "Dolori allucinanti, anche alla testa. Ho temuto d'essere morta"

  • Zona rossa: il ristorante rimane aperto a pranzo, ed è tutto a norma di legge

  • Giovane mamma uccisa dal cancro: lascia nel dolore marito e due figli

Torna su
BresciaToday è in caricamento