rotate-mobile
Cronaca

Aumentano gli stranieri, e la provincia di Brescia ringiovanisce

Secondo il 15/o Censimento generale Istat, Brescia detiene, fra i grandi comuni italiani, l'incidenza più elevata di stranieri, ma è anche la seconda provincia più giovane della Lombardia

Popolazione lombarda in aumento, al 9 ottobre del 2011, ma solo per la presenza di stranieri. E' il dato che emerge dal 15/o Censimento generale della popolazione e delle abitazioni elaborato dall'Istat: i lombardi sono 9.704.151, con un incremento del 7,4% rispetto al 2001, da attribuire quasi esclusivamente alla componente straniera. La popolazione italiana è cresciuta di 43.866 unità (+0,5%), quella straniera di 627.731 unità (+196,4%).

La provincia di Brescia, con un +13,2% (pari a +17.232 residenti), è seconda per incremento dopo Lodi (+13,2%, pari a +17.232 residenti). Più moderata é la crescita di Milano (+4,6%), dove tuttavia si registra il maggior incremento assoluto di stranieri (+235.907 unità).

Nel dettaglio dei comuni, la Lombardia annovera due primati: il comune pavese di Rocca dé Giorgi registra, in Italia, l'incidenza percentuale più elevata di stranieri sul totale dei censiti (36,7%), mentre Brescia detiene, fra i grandi comuni italiani, l'incidenza più elevata di stranieri ogni 1.000 residenti (166,1).

Sempre in Lombardia - spiega l'Istat - ci sono più femmine che maschi: 94,4 uomini ogni 100 donne (4.712.503 uomini e 4.991.648 donne) e la popolazione tende a invecchiare dal 2001 al 2011: la percentuale di popolazione di 65 anni e più passa dal 18,2% (1.642.443 persone) al 20,8% (2.018.014), evidenziando una variazione percentuale positiva del 22,9%.

Le province più "anziane" sono quelle di Pavia (dove la quota di ultrasessantacinquenni è pari al 23%) e di Cremona (22,1%), mentre le province più "giovani" sono quelle di Bergamo (18,3%) e Brescia (19,1%).

La nostra è inoltre la regione in cui risiede il maggior numero di ultracentenari (2.391, pari al 15,9% del totale nazionale). Sono più che raddoppiati nel decennio intercensuario: infatti, erano 940 nel 2001 (117 maschi e 823 femmine) mentre nel 2011 ne sono stati censiti 2.391 (273 maschi e 2.118 femmine).

I comuni più grandi e quelli più piccoli: in termini di popolazione, i cinque comuni più grandi della regione sono Milano (1.242.123 residenti), Brescia (189.902), Monza (119.856), Bergamo (115.349) e Como (82.045). Lombardi anche i tre comuni più piccoli d'Italia: Pedesina (30 residenti) e Menarola (46), in provincia di Sondrio, e Morterone (34) in provincia di Lecco.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumentano gli stranieri, e la provincia di Brescia ringiovanisce

BresciaToday è in caricamento