Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Pubblicità fuorviante di prodotti alimentari: multa a un'azienda bresciana

Ai prodotti venivano attribuiti "effetti antinfiammatori"

Le pubblicità apparivano online e addirittuta in tv, su emittenti locali. Due aziende, una bresciana ed una bergamasca sono state multate per violazioni al regolamento sulle pratiche leali d’informazione. I Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Brescia, nel corso dell’ordinaria attività di monitoraggio condotta nel settore, hanno riscontrato due casi di "fuorviante pubblicità" per la vendita di prodotti alimentari. Gli amministratori delegati delle due aziende sono stati multati con sanzioni da 23mila (per l'azienda bresciana) e 12mila euro (per quella bergamasca). 

Il primo caso riguarda un “preparato alimentare” con miele e curcuma realizzato nella nostra provincia all’interno di un laboratorio non notificato all’autorità sanitaria. Al prodotto venivano impropriamente attribuiti effetti antinfiammatori, e l'etichetta non riportava le obbligatorie avvertenze a tutela di gravidanza ed allattamento, come pure in ordine al suo utilizzo prolungato. Complessivamente ne sono state sequestrate 500 confezioni che sul mercato avrebbero consentito un ricavo di 25mila euro. L’Autorità Sanitaria ne ha disposto la distruzione. 

Il secondo episodio riguarda invece "alimenti a fini medici speciali", nello specifico prodotti destinati a persone affette da condizioni di salute da cui derivano difficoltà ad alimentarsi in modo naturale, il cui utilizzo può avvenire soltanto dietro controllo medico e la cui produzione va ufficialmente comunicata al Ministero della Salute.

 I carabinieri del N.A.S. hanno stabilito che l’azienda bergamasca sul proprio sito web riconducesse impropriamente all’alimentazione di persone affette da problemi di deglutizione alcuni suoi prodotti, lasciando intuire un possibile impiego nel trattamento della disfagia. All'azienda è stata notificata una multa da 12mila euro, e l'obbligo di oscurare immediatamente le informazioni fuorvianti. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblicità fuorviante di prodotti alimentari: multa a un'azienda bresciana
BresciaToday è in caricamento