Scoperto un "cimitero" di auto e pneumatici: alto rischio ambientale

Sfasciacarrozze abusivo in un terreno che doveva essere agricolo: denunciato un bresciano di 49 anni. Il blitz di carabinieri e forestali: rischio elevato di contaminazione del terreno

Uno sfasciacarrozze abusivo allestito in un terreno che sarebbe dovuto agricolo: in tutto i carabinieri e i forestali hanno inventariato ben 23 automobili distrutte e abbandonate da chissà quanto, accompagnate da più di 150 pneumatici accatastati a cielo aperto e senza alcuna copertura.

Il blitz dei militari arriva a conclusione di lunghe indagini sull'attività del proprietario del campo, un bresciano di 49 anni che è risultato titolare anche di un'autofficina del paese, a Provaglio d'Iseo. L'uomo è stato denunciato per gestione di rifiuti non autorizzata e gestione dei veicoli fuori uso e dei rifiuti costituiti dai relativi componenti.

Lavorava le auto, le “svuotava” del suo contenuto, una volta che non servivano più le lasciava parcheggiate nel campo. Senza alcuna autorizzazione. Non si esclude nemmeno il rischio (elevato) di inquinamento ambientale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Palpeggia e molesta due ragazzine: pestato a sangue nel parcheggio

  • Incidente stradale a Dello: morto Alex Tanzini di 38 anni

  • In bicicletta sull'autostrada A4: muore sul colpo travolto da un'auto

  • Ragazzo morto tra le braccia delle fidanzata: i risultati dell'autopsia

  • Malore improvviso in casa, muore giovane mamma: "Non voglio crederci"

  • Il tragico destino di Sara, stroncata dalla malattia a soli 27 anni

Torna su
BresciaToday è in caricamento